Cineforum

cineforum categoriaIl Cineforum di ESN Roma ASE è un modo molto particolare e rilassante per imparare o abituarti sia alla lingua italiana che alla sua tradizione cinematografica. Il tutto sempre gratis o con un modestissimo contributo spese.

Ogni Mercoledì infatti verrà proiettato un bel film italiano di grande successo (con i sottotitoli per facilitarti la comprensione) dove alla fine della proiezione potrai cogliere l'occasione per soffermarti insieme a tutti gli altri Erasmus per dare un tuo giudizio sul film e commentarlo.

Durante i periodi primaverile, estivo e autunnale i film vengono proiettati open-air di notte per rendere la visione ancora più suggestiva!

Ecco un sempio di alcuni film proiettati durante i nostri cineforum:

  • - Il Postino
  • - Nuovo Cinema Paradiso
  • - Mediterraneo
  • - La Dolce Vita
  • - I Cento Passi
  • - La Vita è Bella
  • - Romanzo Criminale
  • - Vacanze Romane
  • - Le Fate Ignoranticine
  • - Rocco e i suoi Fratelli
  • - Il Mostro

e tanti tanti altri!

Buona visione!

ESN Roma ASE, wt-Cinema



GIOVEDÌ 28 APRILE ★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @LANCELOT!!!

GIOVEDI 28  APRILE-★CINEFORUM★ ESN ROMA ASE @LANCELOT, Via dei Volsci, 77° (http://ow.ly/ZYrZ9)!

È TORNATO L’APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON IL CINEFORUM! NUOVI FILM, NUOVE EMOZIONI, NUOVE OCCASIONI PER MIGLIORARE IL TUO ITALIANO! CI VEDREMO ALLE ORE 19.30 AL LOCALE ED IL FILM INIZIERà PUNTUALMENTE ALLE 19.45! OVVIAMENTE I SOTTOTITOLI SONO IN ITALIANO!

Giovedì 28 aprile proietteremo il film " IL SOLE DENTRO” un film italiano del 2012 diretto da Paolo Bianchini. Tratto dalla vera storia di Yaguine Koita e Fodè Tounkara, il film è stato presentato e premiato al Giffoni Film Festival.

 

                                                                   IL SOLE DENTRO

 

Il-sole-dentro-cover-vcd-front

 

                                                                              

 

                           GIOVEDì 28 APRILE  ORE 19.30!!!                                                                                    

 

TRAMA:

Il film racconta la storia di due lunghi viaggi che si intrecciano, a distanza di tempo, lungo un percorso che unisce l'Europa all'Africa e viceversa. La prima è la storia di Yaguine e Fodè, due adolescenti guineani che scrivono, a nome di tutti i bambini e i ragazzi africani, una lettera indirizzata “alle loro Eccellenze, i membri responsabili dell'Europa“, chiedendo aiuto per avere scuole, cibo e cure. Con la preziosa lettera in tasca Yaguine e Fodè si nascondono nel vano carrello di un aereo diretto a Bruxelles. Inizia così il loro straordinario viaggio della speranza. Quando l'aereo atterra a Bruxelles, un tecnico scopre abbracciati i corpi assiderati di Yaguine e Fodè, accanto alla lettera indirizzata “ Alle loro Eccellenze”.

La loro storia si incrocia, dieci anni dopo, con un altro viaggio, questa volta dall'Europa all'Africa, fatto da altri due adolescenti ed il loro pallone. È la storia del tredicenne Thabo, immigrato originario di N'Dula, un villaggio africano che nemmeno lui sa dove si trovi esattamente, accompagnato dal suo amico Rocco, quattordicenne di Bari provengono dal Sud di quell'Europa piena di contraddizioni, che attira e respinge i popoli, come le onde del mare che unisce e divide. Entrambi i ragazzi sono vittime della tratta dei baby calciatori, dalla quale stanno fuggendo. Attraversano tutto il deserto con solo un po' di pane e una bottiglietta d'acqua, e dopo 3 mesi arrivano finalmente ad N'Dula.

 

 

Non perderti le nostre serate di cinema italiano! L’appuntamento è alle ore 19.30 , al pub LANCELOT, VIA DEI VOLSCI 77, nel cuore del quartiere San Lorenzo!  IL FILM INIZIA ALLE 19.45! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata le birre ed i cocktail di base costeranno solo 3.50 euro!

Daje!!

★ESN ROMA ASE★ (www.esn-roma.it)

 
GIOVEDÌ 21 APRILE ★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @LANCELOT!

GIOVEDI 21  APRILE-★CINEFORUM★ ESN ROMA ASE @LANCELOT, Via dei Volsci, 77° (http://ow.ly/ZYrZ9)!

È TORNATO L’APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON IL CINEFORUM! NUOVI FILM, NUOVE EMOZIONI, NUOVE OCCASIONI PER MIGLIORARE IL TUO ITALIANO! CI VEDREMO ALLE ORE 20.15 AL LOCALE ED IL FILM INIZIERà PUNTUALMENTE ALLE 20.30! OVVIAMENTE I SOTTOTITOLI SONO IN ITALIANO!

Giovedì 21 aprile proietteremo il film " TRE UOMINI ED UNA GAMBA”,  un film comico del 1997 diretto da Aldo, Giovanni & Giacomo e Massimo Venier.

È il primo film del trio comico dopo la loro carriera in televisione e i corti teatrali del 1996

 

                                       TRE UOMINI ED UNA GAMBA

 

                                                   uomini                            

 

GIOVEDì 21 APRILE  ORE 20.15!!!                                                                                    

 

TRAMA:

Aldo, Giovanni e Giacomo, commessi di un negozio di ferramenta milanese, devono andare a Gallipoli, dove avrà luogo il matrimonio di Giacomo con Giuliana, terza figlia del cavalier Eros Cecconi, un volgare ed irascibile imprenditore romano, proprietario del negozio in cui i tre lavorano nonché padre delle rispettive consorti di Aldo e Giovanni. I tre devono anche portare all'imprenditore il suo ultimo acquisto: una scultura di legno a forma di gamba realizzata da Michael Garpez.

In occasione di una sosta presso una stazione di servizio, il cane Ringhio, unico grande amore del cavalier Cecconi, viene legato alla macchina per fare la guardia e lì dimenticato: i tre dovranno quindi rispondere al suocero della morte del cane. Successivamente, mentre sono fermi a controllare la cartina, la loro auto viene tamponata da quella di una donna di nome Chiara. I quattro partono quindi alla ricerca di un meccanico che possa riparare le due automobili; ne trovano finalmente uno che però ha lasciato un biglietto sul quale c'è scritto che è andato prima a pranzo e poi al cinema.

Il gruppo raggiunge il meccanico in sala, dove si fermano a guardare il film proiettato, Biglietto amaro, film neorealista di Remo Garpelli che in realtà è una versione in bianco e nero dello sketch di Ajeje Brazorf sul tram alle prese con il controllore. Durante la proiezione della pellicola, Giacomo si sente male e pensa che sia per via delle cozze mangiate al ristorante, ma in realtà si tratta di una colica renale e viene ricoverato in ospedale, dove dovrà restare per una notte per accertamenti. L'arrivo a Gallipoli viene quindi rimandato di un giorno. Chiara, che deve partire da Brindisi per una vacanza in Grecia, chiede ai tre un passaggio fino al porto dove dovrà prendere il traghetto.

Il giorno dopo i quattro ripartono, ma l'auto finisce in panne. Mentre gli altri sono impegnati a cercare di riparare il guasto, Aldo schiaccia un sonnellino e sogna di essere una sorta di conte Dracula meridionale che si perde in una foresta inseguendo una ragazza e viene quasi ucciso da due leghisti transilvani; al risveglio trova per caso un cane randagio e ne fa il nuovo Ringhio, che però è completamente diverso dal Ringhio originario in quanto è un semplice e scarmigliato bastardino nero. Durante una sosta vicino ad un lago, mentre i quattro si prendono una pausa facendo un bagno, il cane urina sulla gamba: Giovanni tenta di lavarla nel fiume, ma la fa accidentalmente cadere in acqua.

La scultura viene recuperata alla foce da un gruppo di muratori marocchini, che la utilizzano come palo per una porta da calcio. Aldo, Giovanni, Giacomo e Chiara decidono di contendersi l'oggetto in una partita contro la "squadra" nord-africana. Dopo aver perso la sfida 10-3, nonostante ottime gesta atletiche, Chiara convince gli altri ad aspettare la notte e introdursi nella casupola dei muratori per recuperare l'opera. Riescono ad uscire con la gamba in mano, ma vengono scoperti e portati presso la caserma dei Carabinieri. La vittima del furto, in realtà un ingegnere, con aria sdegnata, decide di non sporgere denuncia e, visto che quei quattro gli fanno pena, li lascia ripartire con il prezioso manufatto, evidentemente ignaro del suo valore.

Giacomo, nel corso del viaggio, si è innamorato di Chiara: la ragazza se ne è accorta ma, non volendo rovinare il matrimonio al suo nuovo amico, si fa lasciare, con una scusa, in un'area di servizio per riprendere il suo cammino da sola. Le disavventure del viaggio hanno fatto riflettere i protagonisti: i tre amici lasciano la gamba nel viale d'entrata della villa del cavalier Cecconi, dove il suocero furente li aspettava al varco col fucile puntato, e scappano verso una nuova vita.

 

 

Non perderti le nostre serate di cinema! L’appuntamento è alle ore 20.15 , al pub LANCELOT, VIA DEI VOLSCI 77, nel cuore del quartiere San Lorenzo!  IL FILM INIZIA ALLE 20.30! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata le birre ed i cocktail di base costeranno solo 3.50 euro!

Daje!!

★ESN ROMA ASE★ (www.esn-roma.it)

 
GIOVEDÌ 14 APRILE ★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @LANCELOT!!!

GIOVEDI 14  APRILE-★CINEFORUM★ ESN ROMA ASE @LANCELOT, Via dei Volsci, 77° (http://ow.ly/ZYrZ9)!

È TORNATO L’APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON IL CINEFORUM! NUOVI FILM, NUOVE EMOZIONI, NUOVE OCCASIONI PER MIGLIORARE IL TUO ITALIANO! CI VEDREMO ALLE ORE 20.00AL LOCALE ED IL FILM INIZIERà PUNTUALMENTE ALLE 20.15! OVVIAMENTE I SOTTOTITOLI SONO IN ITALIANO!

Giovedì 14 aprile proietteremo " Mio fratello è figlio unico”, un film del 2007 diretto da Daniele Luchetti, ispirato al libro di Antonio Pennacchi Il fasciocomunista. Lo scrittore, però, si è dissociato dal film, sostenendo che soprattutto nella seconda parte siano state tradite le sue reali intenzioni. Il film, girato a Borgo Segezia e Borgo Cervaro (Foggia e uscito nelle sale italiane il 20 aprile 2007, ha partecipato con successo alla sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes 2007, dove il pubblico in sala gli ha riservato un lungo applauso.

 

 

                                                MIO FRATELLO è FIGLIO UNICO

mio fratello è figlio unico

 

                                                                              

 

                     GIOVEDì 14 APRILE  ORE 20.00!!!                                                                                    

 

TRAMA:

Accio, dodicenne, entra in seminario. Il sogno da bambino è quello di aiutare gli "ultimi". Accio capisce, dopo essersi masturbato in letto, guardando una fotografia di Marisa Allasio, che il seminario non sia la sua vita, e torna a Latina. Iniziano i primi contrasti con la famiglia. Fa amicizia con il venditore ambulante di tovaglie del quartiere, Mario, che lo fa avvicinare al fascismo. Accio, che non è molto più che un ragazzino ribelle, si iscrive al Movimento Sociale Italiano. Suo fratello maggiore, Manrico, è sempre occupato nelle battaglie degli operai. Lavora in fabbrica, fa parte della sezione comunista e organizza scioperi, occupazioni e manifestazioni, spesso scontrandosi con Accio e i suoi amici di partito. Manrico ha una relazione con una sua compagna, Francesca. Con questa Accio instaura un rapporto di amicizia.

La fede nel fascismo di Accio vacilla quando blocca Mario e gli altri suoi "amici", decisi a bruciare l'auto di Manrico e decide di strappare la sua tessera di partito. La rottura definitiva avviene in occasione di un concerto organizzato dal Movimento Comunista Rivoluzionario al quale Accio partecipa, durante il quale irrompe un gruppo di fascisti. I rapporti tra Manrico e Accio però si interrompono quando quest'ultimo assiste alla morte di Mario, in realtà vittima di un attacco cardiaco e sulla cui morte nessuno indaga. Accio tuttavia scappa. Dopo un anno passato presso una famiglia piemontese amica di Manrico, Francesca passa a prendere Accio, chiedendogli di aiutarla ad accudire il figlioletto avuto da lei e Manrico, Amedeo, che il padre non visita da due anni. Accio si rifiuta e per più di due anni di suo fratello e di Francesca non sa nulla.

Un giorno Manrico chiama il fratello, chiedendogli di portargli a Torino i soldi che troverà nascosti nell'armadio, probabilmente gli stessi soldi rapinati anni prima sparando al suo datore di lavoro. Arrivato a Torino, Accio chiama Francesca che però riattacca immediatamente il telefono, ma è troppo tardi perché la linea è infatti intercettata dalla polizia, in cerca di Manrico. Dopo un breve inseguimento, Manrico viene ucciso da due poliziotti, e Francesca viene arrestata per complicità.

Accio torna a Latina con il piccolo Amedeo. Una notte Accio si introduce nel municipio alla ricerca del fascicolo con le persone assegnatarie delle case popolari. Accio chiama tutti gli assegnatari, compresa la sua famiglia, e li chiama all'occupazione delle nuove case.

 

Non perderti le nostre serate di cinema! L’appuntamento è alle ore 20.00 , al pub LANCELOT, VIA DEI VOLSCI 77, nel cuore del quartiere San Lorenzo!  IL FILM INIZIA ALLE 20.15! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata le birre ed i cocktail di base costeranno solo 3.50 euro!

Daje!!

★ESN ROMA ASE★ (www.esn-roma.it)

 
GIOVEDÌ 31 MARZO ★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @LANCELOT!!!

GIOVEDI 31 MARZO-CINEFORUM ESN ROMA ASE @LANCELOT, Via dei Volsci, 77° (http://ow.ly/ZYrZ9)!

FINALMENTE RITORNA L’APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON IL CINEFORUM! NUOVI FILM, NUOVE EMOZIONI, NUOVE OCCASIONI PER MIGLIORARE IL TUO ITALIANO! CI VEDREMO ALLE ORE 20.15 AL LOCALE ED IL FILM INIZIERà PUNTUALMENTE ALLE 20.30!

Giovedì 31 Marzo proietteremo il film " Io non ho paura”:  è un film del 2003 diretto da Gabriele Salvatores. Tratto dal romanzo omonimo di Niccolò Ammaniti, che ne ha anche scritto la sceneggiatura insieme a Francesca Marciano, il film ha vinto due David di Donatello ed è stato scelto come film per rappresentare l'Italia agli Oscar. Questo film è riconosciuto come d'interesse culturale nazionale dalla Direzione generale per il cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali italiano, in base alla delibera ministeriale del 4 febbraio 2003.

 

                                                                IO NON HO PAURA

io non ho paura

 

                                                                              

 

                     GIOVEDì 31 MARZO ORE 20.15!!!                                                                                    

 

TRAMA:

Michele Amitrano frequenta nel 1978 la quinta elementare e vive ad Acqua Traverse, un minuscolo borgo rurale dell'Italia del Sud, in Basilicata. Con la sorella più piccola e altri amici fanno una corsa in mezzo al grano. A casa ci sono la madre, domestica in un ristorante, e Pino, il padre, che non è sempre presente a causa del suo mestiere di autotrasportatore. Giocando con gli amici a rincorrersi fino ad una casa abbandonata e diroccata tra campi di grano in un giorno d'estate, decidono chi deve fare la penitenza, che toccherebbe a Michele, arrivato ultimo per aiutare la sorella in difficoltà, ma a seguito di una votazione viene deciso che tocchi a una loro amica, Barbara. La penitenza è quella di abbassarsi le mutandine davanti a questi ultimi. Proprio all'ultimo Michele salva la ragazza dal gesto e decide di fare lui la penitenza arrampicandosi sui muri della casa. Quando tutto il gruppo torna verso casa, Michele si accorge di aver dimenticato gli occhiali della sorella nella casa abbandonata, quindi torna indietro, prendendoli e scoprendo per caso una lastra di lamiera che, incuriosito, solleva vedendo una fossa, e in fondo un piede che esce da una coperta. Dopo lo spavento iniziale, nei giorni seguenti torna sul luogo e scopre che quel piede appartiene a un bambino come lui, biondo e delicato, quasi cieco per il buio, ridotto a uno stato selvaggio. Nelle successive visite gli porta da mangiare, gli parla, gli ridà una speranza. Una sera il telegiornale racconta la scomparsa del bambino Filippo Carducci, rapito a Milano, forse perché i rapitori vogliono un riscatto dalla ricca madre. Michele, tramite la foto in televisione, capisce che questo Filippo è proprio il bambino con cui ha fatto amicizia.

Arriva a casa, come amico del padre camionista, Sergio il milanese, uomo violento e pericoloso alla guida della banda di rapitori del bambino, la quale comprende tutti gli uomini del minuscolo borgo rurale, compreso il padre di Michele. Michele lo capisce quando li vede parlare in segreto, quando avrebbe dovuto parlare al padre sul bambino per salvarlo il giorno dopo, non sapendo ancora che è un rapitore. Filippo, grazie all'amico, recupera le forze e torna di nuovo con gli occhi e la vista sana. Michele confida questo segreto al cugino-amico Salvatore, il quale essendo ingenuo lo dice allo zio rapitore. Il padre, dunque, ordina a Michele di non rivedere mai più Filippo e il bambino sembra mantenga la promessa, anche perché la sua mamma buona di cuore non vuole che lui e Filippo rimangano uccisi. Col passare del tempo, il cerchio delle indagini sul rapimento si stringe gli elicotteri dei carabinieri cominciano a perlustrare anche l'area di Acqua Traverse. Sopraggiunge il panico tra i rapitori, i quali, su consiglio di Sergio il capo, decidono di uccidere il piccolo Filippo, trasferito in un luogo all'aria aperta, un recinto sigillato della casa diroccata. Michele, non mantenendo più la promessa, corre a liberare Filippo e riesce a trovare la casa: riesce a spingerlo fra i campi cercando di farlo fuggire, ma Michele stesso, pur non avendo più paura delle conseguenze, rimane intrappolato da solo nel recinto.

Nel frattempo gli adulti scelgono chi deve ammazzare Filippo. Il padre di Michele è il prescelto e appena apre la porta Michele scappa fuori gridando "papà"; il padre, pensando che sia Filippo, spara e colpisce Michele alla gamba che cade a terra svenuto. Pino esce allo scoperto con il figlio tra le braccia e con un lamentoso pianto lo chiama per farlo rinvenire. Nel frattempo torna Filippo, proprio per rivedere Michele, e Sergio tenta di ucciderlo, ma arrivano gli elicotteri della polizia e lo arrestano insieme a Pino e agli altri. Michele si risveglia e nell'ultima scena del film Michele e Filippo, tratto in salvo dai carabinieri, si danno la mano.

 

Non perderti le nostre serate di cinema! L’appuntamento è alle ore 20.15 , al pub LANCELOT, VIA DEI VOLSCI 77, nel cuore del quartiere San Lorenzo!  IL FILM INIZIA ALLE 20.30! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata le birre ed i cocktail di base costeranno solo 3.50 euro!

Daje!!

ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)



 
GIOVEDì 10 DICEMBRE ★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @TIRABOUCHON

GIOVEDì 10 DICEMBRE-CINEFORUM ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0

APPUNTAMENTO ALLE 20.30 AL TIRABOUCHON PER IL CINEFORUM DI ESN ROMA ASE CON IL FILM “INDOVINA CHI VIENE A NATALE?” CON SOTTOTITOLI IN ITALIANO!!!

 IL FILM INIZIA ALLE 21.00!



Giovedì 10 Dicembre proietteremo "Indovina chi viene a Natale?", un film italiano del 2013 diretto da Fausto Brizzi.

indovina-chi-viene-a-natale-1864x945



TRAMA:

Una famiglia molto allargata si riunisce per le feste di Natale, dopo la morte del capofamiglia Leonardo Sereni, famoso cantante. Il figlio maggiore Giulio, con la moglie Marina, possiede una fabbrica di panettoni. La loro figlia psicologa Valentina si fidanza con Francesco, un diversamente abile, perché, dopo un incidente, è rimasto senza gli arti superiori.

La secondogenita di Leonardo e della moglie Emma è Chiara, madre di due bambini avuti da due diverse relazioni; dopo tanti amori sbagliati, finalmente sembra aver trovato l'uomo giusto, ovvero Domenico, un maestro elementare. C'è anche un figlio avuto da Leonardo da una relazione extra-coniugale, il napoletano Antonio. Quest'ultimo è sposato con Elisa e hanno tre bambini. Giulio e Marina inizialmente non accettano che la figlia stia con un disabile, ma Francesco darà prova di sapersela cavare da solo nonostante il suo handicap. I figli di Chiara non vogliono che la loro madre stia con l'ennesimo uomo, perché gelosi. Da qui nascono vari dispetti a Domenico, che si troverà a giustificare vari equivoci. Chiara lo caccerà di casa, facendolo poi ritornare, appena i bambini confesseranno le loro colpe.




Non puoi perderti quest'altra serata di cinema con noi! L'appuntamento è alle ORE 20.30, al pub Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPAhttp://ow.ly/SIvV0), nel cuore del quartiere San Lorenzo! Il film inizia alle 21.00! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata tutti i cocktails e birre costeranno solo 3,50 €! 
Daje!!
ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)


ENGLISH VERSION

ON THURSDAY 10th DICEMBER, ,  AT 20.30 CINEFORUM BY ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0 

WELCOME TO ANOTHER DATE WITH OUR CINEFORUM WITH THE  FILM “INDOVINA CHI VIENE A NATALE?”!  ITALIAN SUBTITLES!  MEETING AT 20.30 AT THE PUB TIRABOUCHON! THE FILM STARTS AT 21.00!!!

 

You can't miss another evening of cinema with us! The meeting is at 20.30 at the pub @Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPA http://ow.ly/SIvV0), the film begins at 21.00!. At the pub you can have discounts in drinks showing the ESN CARD!Indeed all cockatils and beer cost only 3,50€!!!

Daje!!!

ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)

 

 
GIOVEDì 3 DICEMBRE ★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @TIRABOUCHON

GIOVEDì 3 DICEMBRE-CINEFORUM ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0

 

APPUNTAMENTO ALLE 20.00 AL TIRABOUCHON PER IL CINEFORUM DI ESN ROMA ASE CON IL FILM “ROMANZO CRIMINALE” CON SOTTOTITOLI IN ITALIANO!!! IL FILM INIZIA ALLE 20.30!


Giovedì 3 Dicembre proietteremo  “Romanzo Criminale”,
 un  film del 2005, diretto da Michele Placido, tratto dall'omonimo romanzo del 2002, scritto da Giancarlo De Cataldo, edito dalla casa editrice Einaudi. La vicenda è ispirata alla storia della banda della Magliana, nome attribuito dal giornalismo italiano a quella che venne considerata la più potente organizzazione criminale che abbia mai operato a Roma, alla quale vennero attribuiti legami con Cosa nostra, Camorra e 'Ndrangheta, ma anche con esponenti del mondo della politica, della massoneria, come la loggia P2 di Licio Gelli, dell'estrema destra eversiva, dei servizi segreti e del Vaticano. Il film si è aggiudicato 8 David di Donatello 2006 (tra cui il Premio David Giovani) e 5 Nastri d'argento.

 

Q0sejw

 

TRAMA: Roma, fine anni sessanta, alcuni ragazzini poveri rubano un'auto e ad un posto di blocco investono un agente ma riescono a scappare ed a nascondersi nel loro rifugio, una roulotte vicino alla spiaggia, dove decidono i loro soprannomi, ed il loro destino: si chiameranno il Libano, il Dandi, il Freddo ed Il Grana; poco dopo tuttavia arriva la polizia ed essi fuggono ma vengono presi: il Libano si ferisce alla gamba, il Dandi scappa ed Andreino, vero nome de Il Grana, muore per le ferite riportate durante la corsa spericolata con l'auto rubata.

Alcuni anni dopo il Libano attende il Freddo all'uscita del carcere e, insieme al Dandi (ispirato a Enrico de Pedis anche nel romanzo), a Bufalo, ai fratelli Ciro e Aldo Buffoni ed altri piccoli criminali della malavita romana, organizzano un sequestro di persona: reclutato il Nero, uno spietato neonazista esperto in arti marziali, rapiscono il Barone Rosellini, un ricco possidente, poi ucciso, ancora prima di aver ottenuto un congruo riscatto. Invece di spartire subito i soldi, il Libano propone a tutti i componenti del gruppo di formare una banda e di investire nel traffico dell'eroina, mettendo in piedi una vera organizzazione criminale che riesce in poco tempo ad assumere il controllo assoluto deltraffico di droga a Roma, estromettendo, o eliminando fisicamente, i vecchi boss. Presto le loro mire si espandono verso altri campi, come quello della prostituzione e del gioco d'azzardo, e si alleano con Cosa Nostra tramite un boss chiamato Zio Carlo, oltre ad ottenere la protezione degli "uomini senza volto", a cui lo Stato, nella persona del misterioso Dottor Carenza e de il Vecchio, affida lavori segreti e sporchi. Grazie all'approvazione di Zio Carlo, il Freddo e Il Libano uccideranno Il Terribile, boss che controllava la droga che circolava a Roma e che li aveva denunciati per riprendersi il potere sulla capitale. Nasce così la leggenda della banda della Magliana, che metterà a ferro e fuoco la città, le cui vicende si intrecceranno con gli avvenimenti più misteriosi della storia d'Italia per oltre 25 anni, tra cui l'omicidio di Aldo Moro e la strage di Bologna. L'unico a intuire lo strapotere del gruppo criminale è il commissario Scialoja, osteggiato però dai superiori, il quale, durante le indagini, inizia un'ambigua relazione con Patrizia, una prostituta, donna del Dandi. Con il rafforzarsi della banda cresce anche l'ambizione di Libano, che spinge il gruppo ad osare sempre di più ma contemporaneamente Freddo si innamora dell'innocente Roberta, con la quale vorrebbe ritirarsi, disgustato dalla connivenza della banda con la mafia ed i politici, ma soprattutto per non essere ancora una volta pedina in occulti giochi di potere. Libano, preoccupato e sotto pressione, viene accoltellato da Gemito, uno dei suoi scagnozzi, per un debito di gioco non onorato. Guidata da Freddo e Dandi, la banda ritrova la sua unità per vendicare la morte dell'amico e boss, ma la morte del capo carismatico segna comunque l'inizio della fine: grazie alle rivelazioni del Sorcio, assaggiatore di eroina per la banda e divenuto successivamente collaboratore di giustizia, tutta la banda viene arrestata e condannata, ad eccezione del Dandi, protetto dalle alte amicizie, il quale troverà comunque la morte ucciso dal Bufalo, uscito dal manicomio criminale con un permesso. Freddo, pur di evadere e rivedere Roberta, si inietta del sangue infetto, fornito da un medico cocainomane amico del Dandi; tale sangue lo avrebbe condotto alla morte nel giro di poco tempo. Quando si rende conto del progredire della malattia abbandona la donna della sua vita. Spinto dalla morte di Roberta, uccisa dallo scoppio di un'autobomba per una vendetta trasversale contro Il Freddo, dalla malattia e dal disgusto, decide di confessare tutto quanto sa della banda e delle losche protezioni di cui è stata beneficiaria, ma viene comunque assassinato dai servizi segreti subito dopo aver ucciso Ciro Buffoni. Sul finire del film un accenno piuttosto marcato all'implicazione dei servizi segreti e di altre forze statali nell'ambito di tutta la vicenda, e quasi una sorda compassione nei riguardi di quelli che furono sì carnefici, ma vittime al tempo stesso.

Non puoi perderti quest'altra serata di cinema con noi! L'appuntamento è alle ORE 20.00, al pub Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPAhttp://ow.ly/SIvV0), nel cuore del quartiere San Lorenzo! Il film inizia alle 20.30! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata tutti i cocktails e birre costeranno solo 3,50 €! 
Daje!!
ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)


ENGLISH VERSION

ON THURSDAY 3rd DICEMBER, ,  AT 20.00 CINEFORUM BY ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0 

WELCOME TO ANOTHER DATE WITH OUR CINEFORUM WITH THE  FILM “ROMANZO CRIMINALE”!  ITALIAN SUBTITLES!  MEETING AT 20.00 AT THE PUB TIRABOUCHON! THE FILM STARTS AT 20.30!!!

 

You can't miss another evening of cinema with us! The meeting is at 20.00 at the pub @Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPA http://ow.ly/SIvV0), the film begins at 20.30!. At the pub you can have discounts in drinks showing the ESN CARD!Indeed all cockatils and beer cost only 3,50€!!!

Daje!!!

ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»
Pagina 1 di 12

I cookie consento una gamma di funzionalità che migliorano la tua fruizione di questo sito. Utilizzando il sito, l'utente accetta l'uso dei cookie in conformità con le nostre linee guida. Privacy and cookie policy: http://www.esn-roma.it/tutte-le-news/60-varie/687-privacy-cookie.html To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information