Cineforum

cineforum categoriaIl Cineforum di ESN Roma ASE è un modo molto particolare e rilassante per imparare o abituarti sia alla lingua italiana che alla sua tradizione cinematografica. Il tutto sempre gratis o con un modestissimo contributo spese.

Ogni Mercoledì infatti verrà proiettato un bel film italiano di grande successo (con i sottotitoli per facilitarti la comprensione) dove alla fine della proiezione potrai cogliere l'occasione per soffermarti insieme a tutti gli altri Erasmus per dare un tuo giudizio sul film e commentarlo.

Durante i periodi primaverile, estivo e autunnale i film vengono proiettati open-air di notte per rendere la visione ancora più suggestiva!

Ecco un sempio di alcuni film proiettati durante i nostri cineforum:

  • - Il Postino
  • - Nuovo Cinema Paradiso
  • - Mediterraneo
  • - La Dolce Vita
  • - I Cento Passi
  • - La Vita è Bella
  • - Romanzo Criminale
  • - Vacanze Romane
  • - Le Fate Ignoranticine
  • - Rocco e i suoi Fratelli
  • - Il Mostro

e tanti tanti altri!

Buona visione!

ESN Roma ASE, wt-Cinema



GIOVEDÌ 12 MAGGIO ★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @LANCELOT!!!

GIOVEDI 12  MAGGIO -★CINEFORUM★ ESN ROMA ASE @LANCELOT, Via dei Volsci, 77° (http://ow.ly/ZYrZ9)!

 

È TORNATO L’APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON IL CINEFORUM! NUOVI FILM, NUOVE EMOZIONI, NUOVE OCCASIONI PER MIGLIORARE IL TUO ITALIANO! CI VEDREMO ALLE ORE 20.15 AL LOCALE ED IL FILM INIZIERà PUNTUALMENTE ALLE 20.30! OVVIAMENTE I SOTTOTITOLI SONO IN ITALIANO!

Giovedì 12 maggio proietteremo il film " LA LEGGENDA DEL PIANISTA SULL’OCEANO”   un film del 1998 diretto da Giuseppe Tornatore, tratto dal monologo teatrale Novecento di Alessandro Baricco.

 

 

la legg del pianista sull oceano

 

LA LEGGENDA DEL PIANISTA SULL’OCEANO

La vicenda, narrata con continue analessi, è raccontata nel secondo dopoguerra da Max, un trombettista attivo sul transatlanticoVirginian, all'anziano proprietario di un negozio di dischi e strumenti musicali, in cui era entrato per vendere la sua tromba. Richiesto ed ottenuto di suonare la sua tromba per l'ultima volta, Max suona il pezzo contenuto nell'unico disco inciso da Novecento, distrutto a suo tempo dal suo amico, ma che Max aveva subito recuperato e nascosto, all'insaputa di Novecento, nel pianoforte in terza classe del Virginian. Il vecchio, che aveva trovato il disco dentro al piano, finito per caso nel suo negozio, riconosce la melodia e, rapito dalla bellezza della musica di Novecento, si fa raccontare da Max la storia di quel "pianista eccezionale" che Max definisce il suo più grande segreto.

La storia inizia quando Danny Boodman, un macchinista di colore del transatlantico Virginian, trova un neonato abbandonato in una cassa di limoni nella prima classe della nave. Danny battezza il bambino con il proprio nome, Danny Boodman, aggiungendovi l'insegna presente sulla cassetta in cui lo ha trovato (T.D. Lemon) pensando che il significato di "T.D." fosse "Thanks Danny" e che quindi lui fosse destinato ad allevare il bambino, ed il secolo dell'anno in cui ha trovato il bambino (Novecento): Danny Boodman T.D. Lemon Novecento sarà poi chiamato solamente con l'ultimo dei suoi appellativi.

Danny decide di allevarlo in segreto, per impedire che possano portarglielo via. Il bambino vive così i primissimi anni della sua infanzia nella sala macchine del piroscafo, salvo poi uscirne conoscendo e conquistandosi la simpatia dei restanti membri dell'equipaggio. In seguito alla morte accidentale del padre adottivo, dovuta ad un incidente causato dai grossi lavori nella sala macchine (una carrucola impazzita lo colpisce alle spalle), il fanciullo riesce a sottrarsi ai poliziotti che, dietro ordine del capitano Smith, dovevano prelevarlo e consegnarlo presso un orfanotrofio.

Scompare per giorni interi, ma infine, con somma sorpresa di tutti, si fa ritrovare una notte in prima classe mentre suona ilpianoforte con eccezionale bravura. Col passare degli anni diventa il pianista della nave, suonando per i passeggeri durante le serate e per conto proprio, in terza classe, con un altro pianoforte. Molti anni dopo, senza essere nel frattempo mai sceso dal transatlantico, conosce Max Tooney, un trombettista con il quale suonerà per molti anni e stringerà una solida amicizia.

La notizia della sua bravura come improvvisatore ed esecutore si diffonde, al punto da condurre da lui un altro pianista, il famosoFerdinand "Jelly Roll" Morton, che lo sfida in un duello all'ultima nota. Nonostante l'apparente superiorità di questo nell'esecuzione di brani al pianoforte come The Crave, risulta infine evidente l'abilità innata di Novecento, che si aggiudica la vittoria del duello eseguendo un exploit della famosa melodia eseguita a più mani Enduring Movement. In seguito alla sconfitta, Jelly Roll Morton rimarrà chiuso nella sua stanza per tutta la durata del viaggio e scenderà al primo scalo.

Novecento non cede alle ripetute esortazioni dell'amico a scendere dalla nave ed andare incontro alla fama ed al successo: un impresario aveva anche approntato una sala di registrazione sulla nave per incidere la sua musica, arrivando a generare una lacca che lo stesso Novecento poi distrugge opponendosi con tenacia all'idea di immortalare la musica su un disco, gesto dettato anche da una delusione amorosa nei confronti di una passeggera, alla quale aveva tentato invano di regalare l'unica copia. Una sera Novecento, intento a mangiare con il suo amico al ristorante, gli rivelerà infine, che l'indomani, allo sbarco per New York, sarebbe sceso dalla nave. Max a questa rivelazione, rimane stupito. Novecento spiega che lì c'è una cosa che deve vedere. Il giorno dopo, facendo la valigia e soprabito si appresta a scendere dopo avere salutato tutto l'equipaggio. Fermatosi a metà del pontile rimane immobile per svariato tempo a fissare da lontano la città e la terra ferma. Lanciando infine il cappello si volta ritornando sui suoi passi. Per giorni Novecento non si fa vedere, rimanendo sempre nascosto nella sua stanza sotto la nave a guardare il mare dagli oblò. L'equipaggio non riesce a comprendere il suo comportamento, tranne Max che ha percepito che dentro di lui c'era una tremenda confusione e che era meglio lasciarlo solo per il momento. Passati i giorni Novecento si ripresenta, tornando a suonare con allegria e serenità come se niente fosse successo. Max decise di non parlargli mai di quel fatto.

Novecento resta così a bordo anche quando Max lo lascia, all'alba della seconda guerra mondiale, per andare a cercare fortuna altrove, benché riluttante ad allontanarsi dall'amico. Diversi anni dopo, quando il transatlantico è in disarmo e ormai prossimo ad essere distrutto con esplosivi (dinamite), Max vi ritrova l'amico, nei meandri ormai deserti: gli anni prima era rimasto a fare compagnia ai numerosi soldati ospiti della nave trasformata in un ospedale militare. Dopo un ultimo tentativo per convincerlo a scendere, Max capisce che Novecento è intenzionato a morire, affondando insieme alla (ormai sua) nave.

Alla fine della storia il vecchio restituisce a Max la sua vecchia tromba, commentando "in culo i soldi, una buona storia vale più di una vecchia tromba", parafrasando un'espressione ricorrente di Danny Boodman, e poi anche di Novecento, che così dicendo si facevano beffe di ogni regola precostituita di quel mondo di terraferma dove il pianista sull'oceano non aveva mai posato piede.

 

 Non perderti le nostre serate di cinema italiano! L’appuntamento è alle ore 20.15 , al pub LANCELOT, VIA DEI VOLSCI 77, nel cuore del quartiere San Lorenzo!  IL FILM INIZIA ALLE 20.30! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata le birre ed i cocktail di base costeranno solo 3.50 euro!

Daje!!

★ESN ROMA ASE★ (www.esn-roma.it)

 

 
GIOVEDÌ 31 MARZO ★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @LANCELOT!!!

GIOVEDI 31 MARZO-CINEFORUM ESN ROMA ASE @LANCELOT, Via dei Volsci, 77° (http://ow.ly/ZYrZ9)!

FINALMENTE RITORNA L’APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON IL CINEFORUM! NUOVI FILM, NUOVE EMOZIONI, NUOVE OCCASIONI PER MIGLIORARE IL TUO ITALIANO! CI VEDREMO ALLE ORE 20.15 AL LOCALE ED IL FILM INIZIERà PUNTUALMENTE ALLE 20.30!

Giovedì 31 Marzo proietteremo il film " Io non ho paura”:  è un film del 2003 diretto da Gabriele Salvatores. Tratto dal romanzo omonimo di Niccolò Ammaniti, che ne ha anche scritto la sceneggiatura insieme a Francesca Marciano, il film ha vinto due David di Donatello ed è stato scelto come film per rappresentare l'Italia agli Oscar. Questo film è riconosciuto come d'interesse culturale nazionale dalla Direzione generale per il cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali italiano, in base alla delibera ministeriale del 4 febbraio 2003.

 

                                                                IO NON HO PAURA

io non ho paura

 

                                                                              

 

                     GIOVEDì 31 MARZO ORE 20.15!!!                                                                                    

 

TRAMA:

Michele Amitrano frequenta nel 1978 la quinta elementare e vive ad Acqua Traverse, un minuscolo borgo rurale dell'Italia del Sud, in Basilicata. Con la sorella più piccola e altri amici fanno una corsa in mezzo al grano. A casa ci sono la madre, domestica in un ristorante, e Pino, il padre, che non è sempre presente a causa del suo mestiere di autotrasportatore. Giocando con gli amici a rincorrersi fino ad una casa abbandonata e diroccata tra campi di grano in un giorno d'estate, decidono chi deve fare la penitenza, che toccherebbe a Michele, arrivato ultimo per aiutare la sorella in difficoltà, ma a seguito di una votazione viene deciso che tocchi a una loro amica, Barbara. La penitenza è quella di abbassarsi le mutandine davanti a questi ultimi. Proprio all'ultimo Michele salva la ragazza dal gesto e decide di fare lui la penitenza arrampicandosi sui muri della casa. Quando tutto il gruppo torna verso casa, Michele si accorge di aver dimenticato gli occhiali della sorella nella casa abbandonata, quindi torna indietro, prendendoli e scoprendo per caso una lastra di lamiera che, incuriosito, solleva vedendo una fossa, e in fondo un piede che esce da una coperta. Dopo lo spavento iniziale, nei giorni seguenti torna sul luogo e scopre che quel piede appartiene a un bambino come lui, biondo e delicato, quasi cieco per il buio, ridotto a uno stato selvaggio. Nelle successive visite gli porta da mangiare, gli parla, gli ridà una speranza. Una sera il telegiornale racconta la scomparsa del bambino Filippo Carducci, rapito a Milano, forse perché i rapitori vogliono un riscatto dalla ricca madre. Michele, tramite la foto in televisione, capisce che questo Filippo è proprio il bambino con cui ha fatto amicizia.

Arriva a casa, come amico del padre camionista, Sergio il milanese, uomo violento e pericoloso alla guida della banda di rapitori del bambino, la quale comprende tutti gli uomini del minuscolo borgo rurale, compreso il padre di Michele. Michele lo capisce quando li vede parlare in segreto, quando avrebbe dovuto parlare al padre sul bambino per salvarlo il giorno dopo, non sapendo ancora che è un rapitore. Filippo, grazie all'amico, recupera le forze e torna di nuovo con gli occhi e la vista sana. Michele confida questo segreto al cugino-amico Salvatore, il quale essendo ingenuo lo dice allo zio rapitore. Il padre, dunque, ordina a Michele di non rivedere mai più Filippo e il bambino sembra mantenga la promessa, anche perché la sua mamma buona di cuore non vuole che lui e Filippo rimangano uccisi. Col passare del tempo, il cerchio delle indagini sul rapimento si stringe gli elicotteri dei carabinieri cominciano a perlustrare anche l'area di Acqua Traverse. Sopraggiunge il panico tra i rapitori, i quali, su consiglio di Sergio il capo, decidono di uccidere il piccolo Filippo, trasferito in un luogo all'aria aperta, un recinto sigillato della casa diroccata. Michele, non mantenendo più la promessa, corre a liberare Filippo e riesce a trovare la casa: riesce a spingerlo fra i campi cercando di farlo fuggire, ma Michele stesso, pur non avendo più paura delle conseguenze, rimane intrappolato da solo nel recinto.

Nel frattempo gli adulti scelgono chi deve ammazzare Filippo. Il padre di Michele è il prescelto e appena apre la porta Michele scappa fuori gridando "papà"; il padre, pensando che sia Filippo, spara e colpisce Michele alla gamba che cade a terra svenuto. Pino esce allo scoperto con il figlio tra le braccia e con un lamentoso pianto lo chiama per farlo rinvenire. Nel frattempo torna Filippo, proprio per rivedere Michele, e Sergio tenta di ucciderlo, ma arrivano gli elicotteri della polizia e lo arrestano insieme a Pino e agli altri. Michele si risveglia e nell'ultima scena del film Michele e Filippo, tratto in salvo dai carabinieri, si danno la mano.

 

Non perderti le nostre serate di cinema! L’appuntamento è alle ore 20.15 , al pub LANCELOT, VIA DEI VOLSCI 77, nel cuore del quartiere San Lorenzo!  IL FILM INIZIA ALLE 20.30! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata le birre ed i cocktail di base costeranno solo 3.50 euro!

Daje!!

ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)



 
GIOVEDì 10 DICEMBRE ★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @TIRABOUCHON

GIOVEDì 10 DICEMBRE-CINEFORUM ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0

APPUNTAMENTO ALLE 20.30 AL TIRABOUCHON PER IL CINEFORUM DI ESN ROMA ASE CON IL FILM “INDOVINA CHI VIENE A NATALE?” CON SOTTOTITOLI IN ITALIANO!!!

 IL FILM INIZIA ALLE 21.00!



Giovedì 10 Dicembre proietteremo "Indovina chi viene a Natale?", un film italiano del 2013 diretto da Fausto Brizzi.

indovina-chi-viene-a-natale-1864x945



TRAMA:

Una famiglia molto allargata si riunisce per le feste di Natale, dopo la morte del capofamiglia Leonardo Sereni, famoso cantante. Il figlio maggiore Giulio, con la moglie Marina, possiede una fabbrica di panettoni. La loro figlia psicologa Valentina si fidanza con Francesco, un diversamente abile, perché, dopo un incidente, è rimasto senza gli arti superiori.

La secondogenita di Leonardo e della moglie Emma è Chiara, madre di due bambini avuti da due diverse relazioni; dopo tanti amori sbagliati, finalmente sembra aver trovato l'uomo giusto, ovvero Domenico, un maestro elementare. C'è anche un figlio avuto da Leonardo da una relazione extra-coniugale, il napoletano Antonio. Quest'ultimo è sposato con Elisa e hanno tre bambini. Giulio e Marina inizialmente non accettano che la figlia stia con un disabile, ma Francesco darà prova di sapersela cavare da solo nonostante il suo handicap. I figli di Chiara non vogliono che la loro madre stia con l'ennesimo uomo, perché gelosi. Da qui nascono vari dispetti a Domenico, che si troverà a giustificare vari equivoci. Chiara lo caccerà di casa, facendolo poi ritornare, appena i bambini confesseranno le loro colpe.




Non puoi perderti quest'altra serata di cinema con noi! L'appuntamento è alle ORE 20.30, al pub Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPAhttp://ow.ly/SIvV0), nel cuore del quartiere San Lorenzo! Il film inizia alle 21.00! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata tutti i cocktails e birre costeranno solo 3,50 €! 
Daje!!
ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)


ENGLISH VERSION

ON THURSDAY 10th DICEMBER, ,  AT 20.30 CINEFORUM BY ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0 

WELCOME TO ANOTHER DATE WITH OUR CINEFORUM WITH THE  FILM “INDOVINA CHI VIENE A NATALE?”!  ITALIAN SUBTITLES!  MEETING AT 20.30 AT THE PUB TIRABOUCHON! THE FILM STARTS AT 21.00!!!

 

You can't miss another evening of cinema with us! The meeting is at 20.30 at the pub @Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPA http://ow.ly/SIvV0), the film begins at 21.00!. At the pub you can have discounts in drinks showing the ESN CARD!Indeed all cockatils and beer cost only 3,50€!!!

Daje!!!

ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)

 

 
GIOVEDì 3 DICEMBRE ★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @TIRABOUCHON

GIOVEDì 3 DICEMBRE-CINEFORUM ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0

 

APPUNTAMENTO ALLE 20.00 AL TIRABOUCHON PER IL CINEFORUM DI ESN ROMA ASE CON IL FILM “ROMANZO CRIMINALE” CON SOTTOTITOLI IN ITALIANO!!! IL FILM INIZIA ALLE 20.30!


Giovedì 3 Dicembre proietteremo  “Romanzo Criminale”,
 un  film del 2005, diretto da Michele Placido, tratto dall'omonimo romanzo del 2002, scritto da Giancarlo De Cataldo, edito dalla casa editrice Einaudi. La vicenda è ispirata alla storia della banda della Magliana, nome attribuito dal giornalismo italiano a quella che venne considerata la più potente organizzazione criminale che abbia mai operato a Roma, alla quale vennero attribuiti legami con Cosa nostra, Camorra e 'Ndrangheta, ma anche con esponenti del mondo della politica, della massoneria, come la loggia P2 di Licio Gelli, dell'estrema destra eversiva, dei servizi segreti e del Vaticano. Il film si è aggiudicato 8 David di Donatello 2006 (tra cui il Premio David Giovani) e 5 Nastri d'argento.

 

Q0sejw

 

TRAMA: Roma, fine anni sessanta, alcuni ragazzini poveri rubano un'auto e ad un posto di blocco investono un agente ma riescono a scappare ed a nascondersi nel loro rifugio, una roulotte vicino alla spiaggia, dove decidono i loro soprannomi, ed il loro destino: si chiameranno il Libano, il Dandi, il Freddo ed Il Grana; poco dopo tuttavia arriva la polizia ed essi fuggono ma vengono presi: il Libano si ferisce alla gamba, il Dandi scappa ed Andreino, vero nome de Il Grana, muore per le ferite riportate durante la corsa spericolata con l'auto rubata.

Alcuni anni dopo il Libano attende il Freddo all'uscita del carcere e, insieme al Dandi (ispirato a Enrico de Pedis anche nel romanzo), a Bufalo, ai fratelli Ciro e Aldo Buffoni ed altri piccoli criminali della malavita romana, organizzano un sequestro di persona: reclutato il Nero, uno spietato neonazista esperto in arti marziali, rapiscono il Barone Rosellini, un ricco possidente, poi ucciso, ancora prima di aver ottenuto un congruo riscatto. Invece di spartire subito i soldi, il Libano propone a tutti i componenti del gruppo di formare una banda e di investire nel traffico dell'eroina, mettendo in piedi una vera organizzazione criminale che riesce in poco tempo ad assumere il controllo assoluto deltraffico di droga a Roma, estromettendo, o eliminando fisicamente, i vecchi boss. Presto le loro mire si espandono verso altri campi, come quello della prostituzione e del gioco d'azzardo, e si alleano con Cosa Nostra tramite un boss chiamato Zio Carlo, oltre ad ottenere la protezione degli "uomini senza volto", a cui lo Stato, nella persona del misterioso Dottor Carenza e de il Vecchio, affida lavori segreti e sporchi. Grazie all'approvazione di Zio Carlo, il Freddo e Il Libano uccideranno Il Terribile, boss che controllava la droga che circolava a Roma e che li aveva denunciati per riprendersi il potere sulla capitale. Nasce così la leggenda della banda della Magliana, che metterà a ferro e fuoco la città, le cui vicende si intrecceranno con gli avvenimenti più misteriosi della storia d'Italia per oltre 25 anni, tra cui l'omicidio di Aldo Moro e la strage di Bologna. L'unico a intuire lo strapotere del gruppo criminale è il commissario Scialoja, osteggiato però dai superiori, il quale, durante le indagini, inizia un'ambigua relazione con Patrizia, una prostituta, donna del Dandi. Con il rafforzarsi della banda cresce anche l'ambizione di Libano, che spinge il gruppo ad osare sempre di più ma contemporaneamente Freddo si innamora dell'innocente Roberta, con la quale vorrebbe ritirarsi, disgustato dalla connivenza della banda con la mafia ed i politici, ma soprattutto per non essere ancora una volta pedina in occulti giochi di potere. Libano, preoccupato e sotto pressione, viene accoltellato da Gemito, uno dei suoi scagnozzi, per un debito di gioco non onorato. Guidata da Freddo e Dandi, la banda ritrova la sua unità per vendicare la morte dell'amico e boss, ma la morte del capo carismatico segna comunque l'inizio della fine: grazie alle rivelazioni del Sorcio, assaggiatore di eroina per la banda e divenuto successivamente collaboratore di giustizia, tutta la banda viene arrestata e condannata, ad eccezione del Dandi, protetto dalle alte amicizie, il quale troverà comunque la morte ucciso dal Bufalo, uscito dal manicomio criminale con un permesso. Freddo, pur di evadere e rivedere Roberta, si inietta del sangue infetto, fornito da un medico cocainomane amico del Dandi; tale sangue lo avrebbe condotto alla morte nel giro di poco tempo. Quando si rende conto del progredire della malattia abbandona la donna della sua vita. Spinto dalla morte di Roberta, uccisa dallo scoppio di un'autobomba per una vendetta trasversale contro Il Freddo, dalla malattia e dal disgusto, decide di confessare tutto quanto sa della banda e delle losche protezioni di cui è stata beneficiaria, ma viene comunque assassinato dai servizi segreti subito dopo aver ucciso Ciro Buffoni. Sul finire del film un accenno piuttosto marcato all'implicazione dei servizi segreti e di altre forze statali nell'ambito di tutta la vicenda, e quasi una sorda compassione nei riguardi di quelli che furono sì carnefici, ma vittime al tempo stesso.

Non puoi perderti quest'altra serata di cinema con noi! L'appuntamento è alle ORE 20.00, al pub Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPAhttp://ow.ly/SIvV0), nel cuore del quartiere San Lorenzo! Il film inizia alle 20.30! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata tutti i cocktails e birre costeranno solo 3,50 €! 
Daje!!
ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)


ENGLISH VERSION

ON THURSDAY 3rd DICEMBER, ,  AT 20.00 CINEFORUM BY ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0 

WELCOME TO ANOTHER DATE WITH OUR CINEFORUM WITH THE  FILM “ROMANZO CRIMINALE”!  ITALIAN SUBTITLES!  MEETING AT 20.00 AT THE PUB TIRABOUCHON! THE FILM STARTS AT 20.30!!!

 

You can't miss another evening of cinema with us! The meeting is at 20.00 at the pub @Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPA http://ow.ly/SIvV0), the film begins at 20.30!. At the pub you can have discounts in drinks showing the ESN CARD!Indeed all cockatils and beer cost only 3,50€!!!

Daje!!!

ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)

 
GIOVEDì 26 NOVEMBRE★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @TIRABOUCHON

 

 

GIOVEDì 26 NOVEMBRE-CINEFORUM ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0

APPUNTAMENTO ALLE 20.00 AL TIRABOUCHON PER IL CINEFORUM DI ESN ROMA ASE CON IL FILM “TUTTA LA VITA DAVANTI” CON SOTTOTITOLI IN ITALIANO!!! IL FILM INIZIA ALLE 20.30!


Giovedì 26 novembre proietteremo  “Tutta la vita davanti”,
un film del 2008 diretto da Paolo Virzì, liberamente ispirato al libro Il mondo deve sapere di Michela Murgia. Si tratta di una commedia agrodolce sul precariato raccontata attraverso il mondo dei call center. Il film è uscito in anteprima nelle sale italiane il 28 marzo 2008.

 

tutta-la-vita-davanti

 

 

TRAMA

Marta, appena laureata con lode in filosofia, partecipa a un concorso per ottenere un posto come ricercatrice; nell'attesa cerca un lavoro part-time. Mentre il fidanzato parte per gli Stati Uniti con un assegno di ricerca, Marta riesce a trovare solo un impiego come baby-sitter; si trasferisce quindi in una stanzetta dell'appartamento di Sonia, una ragazza all'incirca della sua età, con una vita disordinata e una bambina, Lara, a cui non sembra in grado di badare. Tra Marta e la bimba si instaura presto un legame molto forte: lei le racconta spesso degli scritti dei grandi filosofi al posto delle favole.

Marta ha però bisogno di guadagnare di più e Sonia le consiglia di rivolgersi alla Multiple Italia, dove anche lei lavora. L'azienda commercializza un costoso elettrodomestico multifunzione tramite ragazze addette al call center e ragazzi che si occupano delle dimostrazioni a domicilio e delle vendite vere e proprie. Marta diventa così una telefonista, mescolando gli schemi imposti alla sua spigliatezza e inventiva riesce a ottenere molti appuntamenti; le sue colleghe sono perlopiù ragazze ingenue, che sull'autobus parlano dei reality show, che Marta nemmeno conosce; i venditori sono ragazzi in cerca di successo e di autostima. Le tecniche di motivazione dell'azienda vanno dai messaggi sul cellulare da parte della capo telefonista alle canzoncine motivazionali, dalle premiazioni con futili gadget alle pubbliche ramanzine alla fine di ogni mese: Marta, pur risultando fin dall'inizio tra le più brave a fissare appuntamenti, mantiene sempre un lucido e ironico distacco. Il primo serio turbamento etico la colpisce quando, dopo aver fatto credere ad una cliente di essere una vecchia amica della nipote per ingraziarsela, scopre che quest'ultima si è tolta la vita perché non riusciva a trovare lavoro; è intenzionata a non molestare ulteriormente l'anziana, ma questa, commossa, la cerca più volte per aiutarla nel suo lavoro, vedendo nel suo caso la ristrettezza di prospettive che è stata fatale per la nipote. La bravura di Marta nel lavoro la fa entrare molto presto nelle grazie di Daniela, l'invasata capo telefonista, che si dice abbia una relazione con Claudio, il capo dell'azienda. Marta rivela a Giorgio, sindacalista della NIDIL, i criteri di licenziamento e le tecniche di motivazione e mobbing di cui è quotidianamente testimone, a cui il primo non può assistere sia perché ignorato dagli impiegati sia perché boicottato dall'azienda. Quando sembra che tra i due stia nascendo un sentimento, Marta lascia il suo fidanzato con un messaggio di posta elettronica, ma scopre immediatamente dopo che Giorgio ha avuto un'avventura con Sonia. Come per ripicca, Marta va a letto con l'esaltato Lucio, senza però voler iniziare con lui alcun tipo di relazione.

Quando il comportamento antisindacale dell'azienda è reso pubblico, all'interno si scatena una caccia alla spia, che si conclude con il licenziamento di Sonia, poiché viene vista parlare con Giorgio. Sonia, dalla vita squinternata ma di buon cuore, voleva solo dire a Giorgio che lo avrebbe lasciato, pensando di aver ferito i sentimenti di Marta. L'azienda, dopo la cattiva pubblicità, entra in crisi; Marta litiga con Giorgio, furiosa sia per aver constatato la sua scorrettezza (scopre infatti che ha moglie e figlio) nei confronti di Sonia, sia per la questione sindacale da lui aperta, accusandolo di aver tolto i mezzi di sussistenza a tante persone: tra le altre Sonia, che - avendo bisogno di soldi - entra nel giro delle escort. Nel frattempo Daniela comunica a Marta di aspettare un figlio da Claudio e di attendere il suo imminente divorzio, mentre Claudio coinvolge Marta nelle sue questioni familiari facendole intendere che Daniela si fa troppe illusioni e che lui è legatissimo ai suoi figli. L'improvvisa confidenza, peraltro niente affatto ricercata, di Marta con i capi dell'azienda le attira presto l'astio delle colleghe; in più riceve un'altra telefonata dell'anziana signora con la nipote suicida, che le comunica che Lucio, saputo che la signora non poteva permettersi di acquistare l'elettrodomestico, ha avuto degli scatti d'ira, danneggiando una porta e forse portando via i 300 euro della sua pensione, che si trovavano in vista su un tavolo. L'ingenuità, l'estrema gentilezza e persino la difesa di Lucio della signora commuovono Marta e la fanno sentire terribilmente in colpa. Il momento per lei è pessimo, si ritrova ad essere senza alcun punto di riferimento. Quando Lucio, depresso per non essere riuscito a conquistare Marta e per essere poco incisivo nel lavoro, risulta il peggior venditore del mese, gli viene richiesto di subire la punizione goliardica prevista, ovvero scrivere sulla propria fronte la parola "sfigato" con un pennarello indelebile; ma si rifiuta, litiga per questo con i colleghi e viene prima rincorso, poi umiliato e in preda ad un raptus si licenzia. Sconvolto e in lacrime, se ne va in macchina ma ha un grave incidente stradale. L'episodio provoca da parte dei sindacalisti l'istruzione di una causa per mobbing, che tuttavia non viene intentata perché nel frattempo accade un grave fatto di sangue che mette definitivamente in ginocchio l'azienda. Daniela comunica infatti a Claudio la propria gravidanza; la reazione di lui cancella la sua illusione d'amore e, già provata dalla probabile perdita del lavoro, in un raptus lo uccide, scivolando poi nella follia e facendosi arrestare la mattina dopo davanti al luogo di lavoro. L'azienda viene chiusa del tutto, e tutti gli impiegati, in una sorta di catarsi, si recano insieme al centro commerciale, ridono e si divertono, maschi e femmine non più in reparti separati, ansia e invidie di colpo spazzate via. Proprio in quel momento a Marta giunge la notizia della morte dell'amata madre, da tempo malata di cancro. Tornata a Roma, dopo il funerale a Palermo, Marta trova Lara per strada, in attesa che l'appartamento si liberi dai clienti della madre; indignata, decide di portare via la bambina e darla in custodia alla nonna, ma Sonia le raggiunge, e la bambina, pur molto legata a Marta, non vuole separarsi da sua madre. Marta chiede allora di essere accompagnata a casa dell'anziana signora, a cui restituisce i soldi della pensione giustificando con un errore il comportamento del suo collega. I soldi erano in realtà il compenso corrispostole da una pubblicazione accademica inglese che aveva accettato il suo scritto riguardante il confronto tra la filosofia di Heidegger, le dinamiche di relazione tra le telefoniste di un call center e quelle dei protagonisti di un reality show. La signora, ben lieta, abbraccia Marta che scoppia in un pianto liberatorio.

 

 

 

 

Non puoi perderti quest'altra serata di cinema con noi! L'appuntamento è alle ORE 20.00, al pub Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPAhttp://ow.ly/SIvV0), nel cuore del quartiere San Lorenzo! Il film inizia alle 20.30! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata tutti i cocktails e    birre costeranno solo 3,50 €! 
Daje!!
ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)


ENGLISH VERSION

ON THURSDAY 26TH NOVEMBER, ,  AT 20.00 CINEFORUM BY ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0 

WELCOME TO ANOTHER DATE WITH OUR CINEFORUM WITH THE  FILM "TUTTA LA VITA DAVANTI”!  ITALIAN SUBTITLES!  MEETING AT 20.00 AT THE PUB TIRABOUCHON! THE FILM STARTS AT 20.30!!!

 

You can't miss another evening of cinema with us! The meeting is at 20.00 at the pub @Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPA http://ow.ly/SIvV0), the film begins at 20.30!. At the pub you can have discounts in drinks showing the ESN CARD!Indeed all cockatils and beer cost only 3,50€!!!

Daje!!!

ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)

 

 
GIOVEDì 19 NOVEMBRE★CINEFORUM ESN ROMA ASE★ @TIRABOUCHO

GIOVEDì 19 NOVEMBRE-CINEFORUM ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0

 

APPUNTAMENTO ALLE 20.00 AL TIRABOUCHON PER IL CINEFORUM DI ESN ROMA ASE CON IL FILM “NUOVO CINEMA PARADISO” CON SOTTOTITOLI IN ITALIANO!!! IL FILM INIZIA ALLE 20.30!


Giovedì 19 novembre proietteremo  “Nuovo Cinema Paradiso”, un film del 1988 scritto e diretto da Giuseppe Tornatore.

La versione internazionale di questo film (che, a differenza della versione originale di 173 minuti, è stata ridotta a 123 minuti) vinse il Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes del 1989 e l'Oscar per il miglior film straniero.

 

 Cinema-aradiso

TRAMA: Salvatore Di Vita, da quando ha lasciato il paesino di cui è originario non vi ha mai più voluto rimettere piede e da trent'anni vive a Roma, dove nel frattempo è diventato un affermato regista cinematografico. Una sera, al suo rientro a casa, scopre dalla sua compagna la notizia della morte di un certo Alfredo, e per tutta la notte rivive i ricordi della sua infanzia. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, in un paesino siciliano, Giancaldo, il cinema è l'unico divertimento. Siamo alla fine degli anni quaranta. Totò, un bambino povero che vive con la sorella e la madre, è in attesa che il padre, che risulta disperso, ritorni dalla Russia. Totò svolge il compito di chierichetto per don Adelfio, parroco del paese e gestore della sala cinematografica "Cinema Paradiso". Don Adelfio censura tutte le scene di baci all'interno dei film perché le ritiene troppo sconvenienti. Salvatore, affascinato dal cinematografo, tenta invano di assistere di nascosto alle proiezioni private per il prete e di rubare qualche scena tagliata dal proiezionista Alfredo. Quest'ultimo è un uomo analfabeta con cui Totò cerca di stringere amicizia, nonostante l'atteggiamento contrario di sua madre e l'atteggiamento un po' scontroso di Alfredo. In occasione dell'esame di licenza elementare a cui partecipa anche Alfredo, Totò riesce finalmente a fare un accordo con lui: il bambino darà ad Alfredo i risultati della prova, ma in cambio il proiezionista dovrà insegnare a Totò tutti i trucchi del mestiere. Una sera il pubblico reclama a gran voce il secondo spettacolo e, poiché la sala è stata chiusa, Alfredo e Totò decidono di accontentarli proiettando il film sul muro di una casa della piazza del paese. Una distrazione dell'uomo è la causa di un incendio che si propaga velocemente all'interno della cabina di proiezione. Totò riesce a salvare l'amico, che purtroppo perde la vista. Grazie all'intervento di un paesano diventato milionario, Spaccafico, la sala cinematografica viene ricostruita e prende il nome di "Nuovo Cinema Paradiso". Inizia così una nuova epoca per questo cinema al cui interno lavora il bambino, che d'ora in avanti proietterà pellicole non più censurate. Salvatore, diventato adolescente, conosce Elena, studentessa figlia del Direttore della Banca Locale, e se ne innamora. I genitori di lei non gradiscono la loro relazione e decidono di trasferirsi. Nel frattempo il ragazzo è chiamato ad assolvere il Servizio Militare di Leva nell'esercito a Roma e perde completamente le tracce di Elena. Tornato in Sicilia si rivede con Alfredo che gli consiglia di abbandonare per sempre la sua terra natale. Con quest'ultimo ricordo la mente di Salvatore torna alla realtà: nonostante sia un regista ricco e famoso è deluso della sua vita, e decide di partire per la Sicilia.

Il funerale di Alfredo diventa l'occasione per confrontarsi con il suo passato e con le persone che avevano popolato la sua infanzia. Anche il Nuovo Cinema Paradiso, oramai chiuso ed inutilizzato da sei anni, ha perso il suo splendore e Salvatore non può che assistere immobile alla sua demolizione. Il regista ha anche l'occasione di rivedere Elena, ma solo per l'ultima volta: lei è ormai sposata con un vecchio compagno di scuola di Totò. Dopo aver scoperto di non essersi incontrati l'ultima volta per una serie di coincidenze (e per l'intervento dello stesso Alfredo), vivono una notte di passione, destinata però a rimanere unica, e Totò non può fare altro che tornare a Roma con una bobina di pellicola che gli ha lasciato in eredità Alfredo: questa è un montaggio dei baci censurati da don Adelfio e la sua proiezione commuove Salvatore che con quelle immagini ricorda la sua infanzia.

 

 

 

Non puoi perderti quest'altra serata di cinema con noi! L'appuntamento è alle ORE 20.00, al pub Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPAhttp://ow.ly/SIvV0), nel cuore del quartiere San Lorenzo! Il film inizia alle 20.30! Al locale potrete usufruire di sconti sui drinks mostrando la ESN CARD! Infatti durante la serata tutti i cocktails e birre costeranno solo 3,50 €! 
Daje!!
ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)


ENGLISH VERSION

ON THURSDAY 19TH NOVEMBER,  AT 20.00 CINEFORUM BY ESN ROMA ASE @TIRABOUCHON (Via degli Aurunci 26) MAPPA http://ow.ly/SIvV0 

WELCOME TO ANOTHER DATE WITH OUR CINEFORUM WITH THE  FILM "NUOVO CINEMA PARADISO”!  ITALIAN SUBTITLES!  MEETING AT 20.00 AT THE PUB TIRABOUCHON! THE FILM STARTS AT 20.30!!!

 

You can't miss another evening of cinema with us! The meeting is at 20.00 at the pub @Tirabouchon, Via degli Aurunci 26,(MAPPA http://ow.ly/SIvV0), the film begins at 20.30!. At the pub you can have discounts in drinks showing the ESN CARD!Indeed all cockatils and beer cost only 3,50€!!!

Daje!!!

ESN ROMA ASE (www.esn-roma.it)

 

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»
Pagina 1 di 11

I cookie consento una gamma di funzionalità che migliorano la tua fruizione di questo sito. Utilizzando il sito, l'utente accetta l'uso dei cookie in conformità con le nostre linee guida. Privacy and cookie policy: http://www.esn-roma.it/tutte-le-news/60-varie/687-privacy-cookie.html To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information